l@s zapatistas no están sol@s.

Infos

Esta es la nueva pagina de europa Zapatista : Contiene noticias y artículos publicados en los sitios web y blogs de los diferentes colectivos europeos solidarios con l@s zapatist@s y con los de abajo y a la izquierda. Permitiendo así colectivizar e intercambiar la información desde nuestros rincones.

Estado de la pagina

Número de artículos:
10  15  20 

 

Cinema Uno Estate 2016 con Rassegna Oblò: tra Tunisia e Iraq

A Cinema Uno Estate 2016 a cura di Oblò - rassegna di docufilm e fumetti.

20 luglio 2016 Giardini della Rotonda - Padova

Dalle 20.00 alle 21.00
Buscaglione Estivo suonerà Saman Karkuki direttamente dal Kurdistan Iracheno, coordinatore dei Centri Giovanili sostenuti da Un ponte per ...

Alle 21.30
Appena apro gli occhi - Canto per la libertà di Leyla Bouzid.
Le speranze di donne e giovani nel regime di Ben Ali ci accompagnano a capire cosa oggi continua a mantenere aperto il sogno del cambiamento nel paese dei gelsomini opponendosi a autoritarismi e integralismi.

Nella serata interventi di cooperanti nei progetti in Tunisia a sostegno dei movimenti di base e della società civile.
Mostra fotografica Femmes Tunisienne


APPENA APRO GLI OCCHI - CANTO PER LA LIBERTA'
Un film di Leyla Bouzid. Con Baya Medhaffer, Ghalia Benali, Montassar Ayari, Lassaad Jamoussi, Aymen Omrani. «continua Deena Abdelwahed, Youssef Soltana, Marwen Soltana, Najoua Mathouthi, Younes Ferhi Titolo originale A Peine J'Ouvre les Yeux. Drammatico, durata 102 min. - Francia, Tunisia, Belgio, Emirati Arabi Uniti 2015.

Premio Label Europa Cinema al Festival di Venezia 2015. Tunisi, estate 2010, pochi mesi prima della Rivoluzione contro il governo di Ben Ali. La diciottenne Farah si unisce alla band Joujma che dà voce allo scontento di una generazione, ignorando gli ammonimenti della madre che ben conosce i pericoli di un regime che si infiltra nella protesta giovanile e colpisce a sorpresa. La donna farà di tutto per proteggere la figlia, anche mettendo in gioco il proprio passato.
Al di là del contenuto politico, il film mette al centro due
bellissime figure femminili, la giovane Farah e la madre Hayet, interpretata dalla cantante Ghalia Benali.

Figlia d'arte (il padre Nouri è uno dei più importanti registi tunisini, autore dell'acclamato “L'uomo di cenenre”), voce potente di un cinema che si rinnova, Leyla Bouzid è tra le vere sorprese dell'anno e con la sua opera prima ha conquistato il pubblico veneziano alle Giornate degli Autori.

La 19° edizione di CinemaUno Estate, fino a settembre tutte le sere ai Giardini della Rotonda in Piazza Mazzini a Padova.
Scarica programma completo